Progettare le vacanze estive in Italia: mai pensato al camper?

Vacanze estive in camper

Trend anni ’90 tornato di moda? Di tendenza o no, il fascino dei viaggi on-the-road in camper è innegabile anche per chi non ama stare al volante. Forse per quel brivido che si prova viaggiando senza programmare ogni dettaglio e per il profumo di camping estivo che ci ricorda la nostra giovinezza.

Al di là delle suggestioni che le parole “viaggio in camper” suscitano in ognuno di noi, i vantaggi ci sono, concreti e tangibili.

1. Nonostante le spese per il mantenimento se possedete un camper, o per il noleggio se non ne avete uno di proprietà, e quelle per il parcheggio, le vacanze in camper possono essere molto economiche se si usano i giusti accorgimenti. Date un’occhiata alle offerte di noleggio online, su Campanda.it, dove ad esempio potete noleggiare un camper per le date desiderate, praticamente in tutto il mondo. Soprattutto se viaggiate in estate è consigliabile mettere da parte il brivido e prenotare qualche camping di appoggio, per avere la possibilità di pernottare nei posti più belli, senza dover sostare in parcheggi di fortuna.


LEGGI ANCHE: 10 città italiane tra le migliori destinazioni europee


2. Altro importante vantaggio è l’autonomia negli spostamenti. Non sarete “schiavi” di autobus affollati, treni cancellati o in ritardo. Naturalmente è consigliabile abbozzare in anticipo il percorso del viaggio almeno a grandi linee, per non trovarsi a coprire distanze troppo lunghe in un giorno e finire col non godersi molto neppure le soste. Un punto molto importante questo se viaggiate con i bambini, che mal sopportano l’essere costretti in treno e in autobus senza potersi fermare o andare al bagno.

3. Per i camperisti con più voglia di esplorare, un vantaggio consiste sicuramente nella possibilità di arrivare in posti esclusivi e, con qualche piccola ricerca, non affollati dai cosiddetti turisti della domenica. Soprattutto per le regioni con delle lunghe coste – per citarne alcune, le isole italiane o la Spagna e il Portogallo – avere la possibilità di fermarsi lungo le autostrade costiere non appena s’intravede un pezzo di spiaggia allettante può essere una vera svolta, sempre prestando attenzione alla propria sicurezza e ai divieti.

Dove andare

Ma dove andare? Senza spingersi troppo lontano, soprattutto se è il vostro primo viaggio in camper, esplorate lo stivale: le spiagge mozzafiato e i parchi naturali si sprecano.

1. Le grandi isole: la Sicilia, oltre a offrire delle spiagge rocciose e sabbiose paradisiache, vanta anche non poche attrazioni nell’entroterra, da Erice, una delle più antiche roccaforti medievali, un vero gioiello, ai siti archeologici di Selinunte, la Valle dei Templi, Monte Jato, Siracusa e tanti altri. Il camper vi permetterà di muovervi in libertà in una regione in cui la rete ferroviaria non è delle più efficienti e vi dovreste quindi spostare in autobus.

2. I parchi nazionali protetti: dal Parco Nazionale del Gran Sasso in Abruzzo a quello del Gran Paradiso in Piemonte. Il camper vi permetterà di pernottare nelle aree di sosta dedicate e di godervi l’incredibile spettacolo della natura giorno e notte.


LEGGI ANCHE: Risparmiare prenotando le vacanze con internet


3. Vaste regioni: quando si hanno un paio di settimane di tempo e si vorrebbero vedere mille posti, il camper è un’ottima soluzione. Potrete volare fino alla destinazione, noleggiare il camper sul posto e lasciarlo poi al momento di prendere il volo di ritorno nella stessa città o in una diversa. Questo vi permetterà di spostarvi in maniera autonoma da una città all’altra e di coprire anche lunghe distanze senza bisogno di effettuare transfer stancanti: tutti i bagagli a bordo del vostro mezzo su ruote / camera privata con bagno e angolo cottura. Cosa si potrebbe volere di più? Ecco quindi che un viaggio on-the-road lungo la costa della Spagna del Sud per esempio, vi farà scoprire le città meravigliose dell’Andalusia come Almeria, Granada, Valencia, Siviglia. La strada lungo la costa è sempre piuttosto tranquilla. Un buon consiglio è quello di scegliere mesi appena fuori stagione: l’Andalusia è torrida in estate mentre nei mesi di maggio o di settembre il clima sarà ancora caldo e soleggiato ma eviterete l’afa e la ressa.

Non vi resta altro che fare le valigie e partire!



Tags ,

Potrebbero interessarti anche

Top