Dieta personalizzata 2017: come funziona la dieta del supermetabolismo?

Dieta detox funziona

Come si possono perdere fino a 10 kg in sole 4 settimane? La maggior parte delle persone vede davanti a sé un mese di privazioni, mentre la risposta lascia sbalorditi: mangiando, e mangiando tanto.

La dieta del supermetabolismo è una dieta personalizzata che ha come obiettivo quello di attivare e rieducare il metabolismo, principale responsabile dei chili in più. Il principio è semplice: se il nostro corpo è abituato ad assumere cibo raramente, percepirà di dover “far scorta” per i periodi in cui potrebbe rimanere a secco.

Se invece il nostro corpo sente di non essere mai a corto di carburante, brucerà con più tranquillità perché saprà di avere nuovi rifornimenti in tempi brevi. È così semplice? È sufficiente mangiare a volontà per perdere peso? In realtà, c’è qualche regola da rispettare.

Dieta personalizzata 2017: le regole da seguire

  • mangiare 5 volte al giorno;
  • durante la giornata non far trascorrere più di 3, al massimo 4 ore tra un pasto e l’altro;
  • fare colazione entro 30 minuti dal risveglio;
  • bere ogni giorno 30 ml d’acqua per ogni chilo di peso corporeo;
  • preferire un’alimentazione di tipo biologico;
  • rispettare le tre fasi del programma per tutti i 28 giorni, senza saltarle né invertirle;
  • fare attività fisica per tre volte a settimana.

Le tre fasi della dieta del supermetabolismo

  • Fase 1 (2 giorni): carboidrati. Ebbene sì, proprio loro che generalmente vengono banditi dalle diete dimagranti. Non si parla di quelli contenuti nella pasta di grano duro, ma di carboidrati complessi e zuccheri della frutta.
  • Fase 2 (2 giorni): proteine. In questa fase si assumono le proteine da pesce, carne e insaccati magri, come la bresaola, e tanta verdura per sbloccare il grasso consentendo di bruciarlo in maniera più agevole.
  • Fase 3 (3 giorni): equilibrio. Nell’ultima fase si utilizzano tutti gli alimenti contemplati nella dieta.

La funzione di questo step è di combinare i due precedenti per fornire energia al corpo.
Occorre però fare attenzione ai cibi da assumere, infatti sono banditi latticini, zuccheri raffinati, tè, caffè, frutta secca, alcolici, cibi dietetici e alcuni cereali come frumento, mais e soia.

Ogni fase ha un tipo di attività fisica corrispondente: durante la prima bisogna prediligere un allenamento di tipo aerobico, come la corsa; la seconda fase va accompagnata da esercizi di potenziamento (pesi o addominali); nella terza fase ci si concentra sul relax, con yoga o pilates. Non resta che provare l’efficacia di questa dieta, consapevoli che non raggiungere il risultato sperato sarà comunque meno traumatico che con una dieta da fame.



Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top