Marbella: cosa fare e vedere nella città andalusa

Cosa vedere a Marbella

Stretta tra l’azzurro turchese del Mediterraneo e le aspre montagne della Sierra Blanca, Marbella è luogo per eccellenza di mare e relax con un clima piacevole per tutto l’anno.

Situata tra Malaga a nord e Gibilterra a sud, Marbella è una delle più note località balneari della Costa del Sol. Siamo nella regione dell’Andalusia, dove il clima su tutto il litorale mediterraneo è piacevole e mite permettendo anche in inverno di visitare la città e per i più intrepidi tuffarsi nelle sue acque turchesi.

Gli arabi la chiamavano Marbil-la, ossia la montagna con tanta acqua, e fu fin dall’Ottocento un sonnacchioso villaggio di pescatori lungo le rive del Mediterraneo. Un luogo come un altro che però dagli anni quaranta del Novecento scoprì una propria vocazione turistica e glamour che sopravvive ancora oggi. Fu il principe Max Egon Lagenburg ad aprire nell’ormai lontano 1954 il celebre Hotel Marbella Club, luogo di villeggiatura esclusivo che, nel corso degli anni, avrebbe ospitato vip e personaggi famosi del jet set internazionale dando avvio al successo di Marbella come luogo esclusivo di villeggiatura.

La città ha comunque saputo conservare la sua identità tradizionale dalle atmosfere arabeggianti, dai chiringuitos lungo la spiaggia ai caratteristici locali dove fare uno spuntino. Il suo centro storico è un labirinto di vicoli acciottolati che si aprono su piazze baciate dal sole, è il Casco Antiguo come lo chiamano i locali. Circondato da antiche mura fortificate, è diviso in un Barrio Alto e in un Barrio Nuevo; vale la pena ricordare che questa parte della città conserva un fascino inalterato con edifici che si sono conservati integri fin dal XVI secolo.

Da visitare la Plaza de los Naranjos, incredibile esempio del rinascimento castigliano, dello stesso periodo la Casa del Corregidor (Municipio) che possiede anche significativi elementi gotici. Una passeggiata esplorativa della città non può prescindere da una sosta al Parque Alameda conosciuto per le sue panchine ricoperte di splendide mattonelle colorate con i caratteristici motivi dell’arte andalusa.

Proseguendo in direzione del mare lungo Avenida del Mar, incontrerete uno spiazzo dove sono ospitate riproduzioni di statue di Salvador Dalí. Gli appassionati dell’artista troveranno nell’Hospital Bazán, dove ha sede il Contemporary Engraving Museum, un’esposizione permanente di alcune sue opere insieme ad altre di Picasso e Mirò.

Le spiagge sono meta imprescindibile di una vacanza a Marbella con un litorale lungo ben 25 chilometri.

Non lontano dal porto dei pescatori troviamo El Cable, spiaggia grigia di ciottoli, mentre El Ancón è circondata da una folta vegetazione con rocce e scogli che si affacciano sul mare.

Immancabili lungo la costa i numerosi chiringuitos, vere e proprie istituzioni della cucina andalusa di Marbella, dove tra mare e sabbia potrete assaggiare i celebri espetos de sardinas (spiedini di sardine). Ogni locale ha una sua ricetta con un personalissimo maestro espetero dedicato alla preparazione dei piatti.

Ci sono spiagge dotate di ogni genere di comfort in cui trascorrere la vostra vacanza tra relax e divertimento. San Pedro de Alcántara unisce un contesto naturale unico con esclusive strutture alberghiere, mentre Nikki Beach è sicuramente la più esclusiva e rinomata, frequentata da personaggi dello spettacolo e dello sport.

L’altro lato di Marbella è quello del divertimento e di una movida notturna elettrizzante con le sue numerose discoteche situate sul lungomare e a Puerto Banus, altro luogo esclusivo della città.

Se avete tempo e volete dedicare un’esplorazione oltre i confini cittadini, vale la pena visitare il Parque Natural Sierra de las Nieves, uno tra i più belli dell’Andalusia, con i suoi numerosi sentieri escursionisti attraverso le montagne. Ci sono poi caratteristici borghi facilmente raggiungibili da Marbella come quello di Mijas, arroccato sul fianco di una collina tra il mare e il cielo.




Potrebbero interessarti anche

Top