Cagliari: corso di formazione per operatori dei beni culturali

Mem di Cagliari

Venerdì 7 luglio la MEM di Cagliari ospita il Corso di formazione “La Storia e le storie dalle carte. Proposte per la didattica del patrimonio antico librario e archivistico”. Articolato in due sessioni, la prima dalle 9 alle 13, l’altra dalle 14.30 alle 18.30, l’incontro è destinato agli operatori dei beni culturali con lo scopo di indicare principalmente al mondo della scuola, metodi e percorsi di valorizzazione del materiale documentario e librario antico, rendendolo fruibile soprattutto a insegnanti, studenti, bambini, ma anche a tutti coloro sono ignari del loro valore sociale, economico e politico.

Il programma che si svolgerà alla Mediateca del Mediterraneo di via Mameli 164 a Cagliari prevede:

– La mattina (dalle 9 alle 13) introduzione alla didattica della storia e alle modalità per la scelta delle tematiche rispetto ai destinatari e agli obiettivi che sono all’origine di ogni progetto. Nel corso dell’incontro verranno proposte ipotesi da sviluppare, anche con esempi derivati dall’esperienza dei partecipanti (se si occupano di biblioteche di conservazione o di pubblica lettura, o di archivi storici o correnti, o altro), con una particolare attenzione alla definizione delle diverse fasi di elaborazione di un progetto. Si discuterà sui criteri con i quali diversificare le proposte in base all’età dei destinatari e sui metodi più efficaci da utilizzare, considerando prerequisiti, tempi d’attenzione, tipologie di materiale offerto.

Modalità: 4 ore di lezione frontale in aula attrezzata (PC con PowerPoint, videoproiettore), con eventuale illustrazione di alcuni pezzi d’archivio e di libri antichi, quale esemplificazione.

– Il pomeriggio (dalle 14.30 alle 18.30) incontro di “restituzione” verrà diviso in due momenti. Nella prima parte, divisi a piccoli gruppi, i partecipanti potranno elaborare un abbozzo di progetto sulla base di linee guida che verranno fornite loro. Alla fine della prima ora, ogni gruppo esporrà la sua idea e ne discuterà la fattibilità con gli altri. La seconda e ultima parte sarà dedicata alla discussione di tutto ciò che è stato detto, sentito e in parte sperimentato. Ampio spazio verrà lasciato in particolare alla valutazione delle criticità, che risulta essere sempre un momento fondamentale per il miglioramento di un qualsiasi progetto didattico.

Modalità: 2 ore di laboratorio concettuale, per il quale verrà distribuito del materiale in fotocopie, e a completamento della giornata una discussione coordinata sui progetti e su criticità e proposte.

Docente: Adriana Paolini (Università di Trento).



Potrebbero interessarti anche

Top