Differenze tra e-commerce e negozio fisico: quello che c’è da sapere

Sviluppo e-commerce Sardegna

Chi non ha mai pensato di aprire un e-commerce? L’idea di poter gestire un negozio comodamente da casa solletica tutti, ma è davvero così? Abbiamo chiesto ad una famosa enoteca online 075winestore.com qualche consiglio utile per chi è in procinto di aprire un negozio di vini online, ma non solo.

Innanzitutto c’è da chiarire che aprire un sito di vendita online non significa vendere. Il 90% degli e-commerce lanciati in rete viene chiuso nel giro di un anno. Questo perché in molti casi chi apre un negozio digitale non ha valutato bene, e in anticipo, i costi e la concorrenza.

Confrontiamo un’enoteca online e un’enoteca tradizionale

Sviluppo della piattaforma di vendita

Alla base di un’attività che si sviluppa su internet c’è senz’altro il sito web. Realizzare il sito di un’enoteca online è quasi la stessa cosa di aprirne una tradizionale (anche nei costi). Un buon e-commerce può costare dai 5000 euro ai 10000 euro, ma anche oltre. Difficilmente si può ottenere un buon negozio online spendendo meno. Consiglio: affidatevi ad una Web Agency.


LEGGI ANCHE: Nuova spinta all’economia grazie all’e-commerce


Scegliere il catalogo di vini

Per entrambe le soluzioni, il catalogo di vini va strutturato alla stessa maniera. Per avere un buon assortimento bisogna avere a disposizione vini di tutte le regioni italiane, magari specializzandosi in una regione particolare o in una tipologia di vini (vini naturali, biologici, stranieri ecc).

Schede tecniche dei prodotti

Quando un cliente entra nel vostro negozio può scegliere di dare solo un’occhiata, lasciarsi ispirare dalle etichette delle bottiglie in esposizione o chiedere a voi di cosa ha bisogno. In un negozio online non c’è un commesso o un titolare con cui interagire direttamente, quindi come bisogna impostare il sito per catturare anche il cliente più indeciso? Ecco alcuni punti fondamentali:

  • la struttura del sito deve essere semplice e di facile navigazione;
  • le schede tecniche dei prodotti devono essere complete;
  • bisogna pensare a tutte le domande più frequenti dei clienti e dare già le risposte;
  • attivare una chat istantanea, call center ed email.

Sua maestà la pubblicità

La pubblicità è l’anima del commercio, si sa, ma nel caso di un negozio online è anche di più. Senza pubblicità, il vostro e-commerce sarà invisibile e difficilmente riuscirete ad ottenere profitti. Possiamo paragonare la pubblicità per un’e-commerce all’affitto di un negozio tradizionale. Se decidiamo di affittare un negozio al centro di Roma, avremo sicuramente un grande flusso di clienti rispetto all’affitto di un negozio in periferia. Allo stesso tempo i costi saranno completamente diversi. Quindi i costi pubblicitari sono paragonabili all’affitto, se avete poco budget dovete limitarvi alla periferia.

Spedizioni e imballaggi

Le spedizioni e gli imballaggi hanno un ruolo fondamentale nella gestione di un e-commerce. I costi di spedizione, se troppo alti, sono quelli che influiscono di più sul mancato acquisto da parte di un cliente.

Per mantenere i costi di spedizione bassi bisogna fare un’attenta analisi di mercato e valutare tutte le varie soluzioni offerte da corrieri espressi nazionali. Oltre alla spedizione, nel caso del vino, ma anche in altri settori, ci sono da valutare anche i costi degli imballaggi, non sempre economici.


LEGGI ANCHE: Commercio online: crescono le imprese che vendono su internet


Inoltre, il pacco è l’unico elemento tangibile che si ha con il cliente. Ricevere un pacco personalizzato, curato e magari con un gadget regalo all’interno servirà a sorprendere il cliente e a fidelizzarlo. Avere clienti soddisfatti è la migliore pubblicità possibile.

Varie ed eventuali

Ci sarebbe ancora molto da dire sugli e-commerce e il mondo di internet in generale, dalla scelta del server o hosting, i metodi di pagamenti, le recensioni, integrazione con i marketplace (Amazon, eBay), comparatori di prezzo, SEO, analisi dei competitor ecc, ma non basterebbe un libro. Il consiglio che vi diamo è di fare un’analisi dettagliata di tutti gli aspetti fondamentali legati al commercio elettronico prima di iniziare un’attività di vendita online.



Tags ,

Potrebbero interessarti anche

Top