Due progetti della Sardegna in finale a Culturability

Ex-Col Sassari finalista Culturabilty

Ci sono anche due progetti della Sardegna fra i 15 finalisti del bando culturability – rigenerare spazi da condividere, scelti fra i 429 progetti partecipanti alla call nazionale, promossa da Fondazione Unipolis, per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale, che rigenerano e danno nuova vita a spazi, edifici ed ex siti industriali abbandonati. A seguito di questa prima selezione, il progetto di Ales Comunità CulturAles e quello di Sassari Ex-COL, assieme agli altri tredici finalisti, sono stati ammessi al percorso di supporto e accompagnamento, finalizzato a migliorare e sviluppare le proposte, ma anche ad offrire un’occasione di formazione e crescita ai giovani partecipanti. I team seguiranno workshop, avranno un’assistenza individuale e momenti di revisione critica dei progetti, che dovranno poi essere rivisti e rinviati a Unipolis entro il 3 agosto. Tra questi, nel mese di settembre, una Commissione di esperti selezionerà 5 progetti che riceveranno 50 mila euro ciascuno e continueranno l’attività di mentoring.

Complessivamente, 400 mila euro stanziati dalla Fondazione Unipolis, tra contributi economici per lo sviluppo dei progetti selezionati, attività di accompagnamento per l’empowerment dei team, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto. Anche per questa quarta edizione del bando, il percorso di mentoring sarà seguito da Avanzi/Make a Cube³ e Fondazione Fitzcarraldo, partner dell’iniziativa. Inoltre, grazie alla collaborazione con la Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, la Commissione selezionerà tra i finalisti altri 2 progetti ai quali attribuire una “menzione speciale” e un contributo di 10 mila euro ciascuno.

Comunità CulturAles

Comunità CulturAles è un progetto di educazione informale che avrà sede nella casa natale di Gramsci ad Ales, in provincia di Oristano. Desideri e bisogni delle comunità verranno mappati e intrecciati con le capacità e le competenze disponibili, per metterli in condivisione. Soprattutto i giovani e le fasce sociali più vulnerabili verranno sostenuti nello sperimentarsi come docenti “non convenzionali”: tutti possono insegnare qualcosa perché ciascuno di noi sa fare qualcosa di unico o ha una passione o una capacità speciale, che altri desiderano conoscere. Chiunque implementerà un modulo educativo nel sistema riceverà dei crediti elettronici (attraverso SocialPay, sviluppato da Sardex), che potranno essere spesi all’interno dell’iniziativa stessa, “acquistando” il proprio posto in nuovi corsi, oppure esternamente, in una rete di esercenti partner, creando così indotto economico nella comunità. All’animazione territoriale verrà affiancata la rilettura condivisa delle Lettere dal carcere con il metodo TwLetteratura, grazie alla quale si avrà una scossa che dalla comunità del web si riverbererà sulla Marmilla, riportando Gramsci al centro del ripensarsi della sua stessa comunità.

Ex-COL Sassari

Ex-COL si propone di trasformare l’ex colonia campestre del Comune di Sassari e l’asilo ottocentesco in essa inserito in un community hub. Il tetto ospiterà un cinema, di cui la città è praticamente priva; gli spazi interni saranno utilizzati per offrire laboratori culturali e ricreativi, mostre, proiezioni e dibattiti, oltre che un servizio ristoro a base di prodotti locali. In questo modo, la struttura inutilizzata dell’ex-asilo, un edificio immerso nel verde caratterizzato da dodici grandi vetrate, si trasformerà in uno spazio ibrido, trasparente, volto ad offrire agli abitanti nuove occasioni e modi di fruizione della cultura, del teatro, della fotografia, dell’innovazione sociale. Anche gli spazi esterni dei giardini saranno utilizzati come luogo dedicato alla cultura e alla socialità aperto alla collettività.

Il processo di selezione non è stato semplice, considerato il numero, la qualità e la visione dei partecipanti. Oltre il 50% dei progetti scelti arriva dal sud e dalle isole, da queste regioni sono non solo numerose ma anche di grande valore le iniziative pervenute.

Ecco i progetti scelti che si aggiungono a quelli descritti della Sardegna: Area Archeologica Giardini Luzzati: Lo Spazio del Tempo (Genova) | Ariston in Action (Penne – Pescara) | BooqSurf (Palermo) | Cose mai viste (Milano) | Evocava – Museo evocativo delle cave (Mazara del Vallo – Trapani) | FaRo – Fabbrica dei saperi a Rosarno (Rosarno – Reggio Calabria) | L’asilo (Napoli) | Lottozero / textile laboratories (Prato) | Mapping In Progress – Geografie del Desiderio (Monselice – Padova) | MET. Meticceria Extrartistica Trasversale (Bologna) | #RifugioBoggioLera (Catania) | Shuffle Screening (Copertino – Lecce) | Spazio Faber (Genova).



Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top