“Parliamo di Single”, la conferenza virtuale sui cuori solitari italiani: un successo

I migliori siti di incontri online

Il 1° maggio 2017 è stata una data importante non solo per i lavoratori, ma per tutti i single italiani: si è infatti tenuta, con un successo che ha pienamente soddisfatto gli organizzatori, la prima conferenza completamente virtuale sul tema della vita da single e dei canali di contatto più adatti, oggi, per conoscere nuovi amori.

A ideare e organizzare la conferenza è stata la community per incontri online incontritrasingle.com, fra le realtà più interessanti e in rapida crescita del settore nonostante la recente comparsa sulla scena: per questa prima edizione, si è deciso di mantenere la conferenza strettamente virtuale (anche in omaggio alla natura stessa della community) e soprattutto di limitarla ai membri iscritti regolarmente.

E proprio dalle conseguenze di questo fatto è possibile desumere l’interesse fortissimo per l’argomento. È infatti successo che diverse persone venissero a sapere della conferenza, pur non essendo iscritte alla community, dal meetup creato a sostegno dell’evento, e che chiedessero di poter partecipare negli ultimissimi giorni prima della conferenza; e purtroppo, con gli inviti già spediti, non è stato possibile in alcun modo accoglierli. Un difetto organizzativo, forse – o forse semplicemente un interesse che non ci si aspettava tanto massiccio – ma sicuramente un segno che i single sono tanti, sono attivi e sono alla ricerca di un modo per cambiare la propria condizione.


LEGGI ANCHE: Incontri online: i migliori siti secondo gli italiani


E la conferenza, in fondo, ha fatto emergere proprio questo. Ben lontana dai “cuori solitari” della pagina della posta del cuore delle riviste di qualche decennio fa, la comunità dei single italiani di oggi è ben agguerrita, e soprattutto eterogenea; e ha tutte le intenzioni di usare il web come strumento per favorire nuovi incontri d’ogni genere.

Sì: perché i single, prima grande sorpresa emersa dalla conferenza, non sono tutti uguali.
C’è, ovviamente, chi lo è solo per timidezza: è una delle cause più classiche della difficoltà nei rapporti. Ma oltre a costoro, sono diventati numerosi i single che sono tali perché hanno raggiunto un’età per cui si sentono esclusi dai giochi, per così dire, o imbarazzati a rimettersi in pista; e non sono meno le persone che rimangono sole perché una vita troppo piena di impegni quotidiani non lascia loro il tempo di cercare un partner. Schiera in grandissimo aumento, poi, è quella di chi, reduce da un divorzio o comunque dalla fine di una lunga convivenza, ha timore a lanciarsi in una nuova relazione.

E se sono diverse le cause di questa solitudine, lo stesso vale per gli obiettivi dei single – per quello che hanno in mente quando parlano di “cambiare” la loro condizione. Non per tutti, infatti, questi desideri coincidono.

I romantici non temano: sono sempre tanti i cuori solitari che sono, semplicemente, alla ricerca del grande amore. Ma non sono meno numerosi quelli che cercano, innanzitutto, un po’ di calore umano, di affetto, di compagnia, senza precisi obiettivi per il futuro; e se sono pochi i single, in questo genere di comunità, che cercano relazioni esclusivamente sessuali (che si trovano più facilmente in gruppi specializzati) sono invece tantissimi, e non solo fra i più giovani, a desiderare un rapporto fatto di lunghe chiacchierate in chat, magari sugli onnipresenti cellulari.



Tags ,

Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top