Scoprire la natura della Toscana attraverso lo sport

Scoprire la natura della Toscana

La Toscana è sicuramente una delle regioni più apprezzate del nostro paese. Ricca di città d’arte, famosa per la sua gastronomia e per i suoi vini, ma anche diamante naturalistico dalle mille facce in grado di racchiudere al suo interno meravigliosi paesaggi incontaminati campestri, marini e montani.
In questo articolo vogliamo suggerirvi un modo nuovo per visitare o semplicemente conoscere questa splendida regione ed entrare in contatto con la sua natura, ovvero attraverso alcuni sport che vi faranno immergere a 360° nel territorio toscano nel pieno della sua bellezza.

Ciclismo nel Chianti

Gli amanti delle due ruote potranno pedalare tagliando i meravigliosi paesaggi da cartolina del Chianti, la famosissima area collinare tra Firenze e Siena famosa per il suo vino. Sotto le ruote della bici si dispiegherà la natura regalando scorci in un’atmosfera magica fatta di castelli, antiche abbazie, monasteri, vigneti e cipressi. Esistono diversi itinerari ciclistici che possono essere battuti nel Chianti, spesso caratterizzati da strade bianche, nei quali sarà possibile pedalare a contatto della natura e ristorarsi nei borghi di questa regione magari bevendo un bicchiere di vino rosso.
Meritano una menzione l’itinerario di 19 km che collega i borghi di Radda in Chianti con Volpaia, di estrema suggestione dal punto di vista paesaggistico e quello che costeggia Gaiole e Chianti lungo i vigneti ed i castelli nelle stradine del Barone Ricasoli, colui che codificò per primo la ricetta del Chianti Classico.

Arrampicare all’Argentario

Capo d’Uomo è invece una destinazione che saprà stregare anche gli arrampicatori più esperti. Situata sul Monte argentario, Capo d’Uomo è una falesia a picco su un mare cristallino e dominata dal rudere di un’antica torre. Qui all’arrampicatore si parerà davanti una roccia calcarea dalle sfumature bianche e grigiastre. La parete è stata attrezzata a metà degli anni novanta e richiodata nuovamente negli ultimi anni. Da un’altezza di 350 metri si potrà ammirare lo splendido mare di questo angolo di Toscana e scorgere all’orizzonte le isole di Giannutri e del Giglio.

Golf a Castelfalfi

Il golf non è uno sport che fa venire in mente subito il contatto con la natura, se non con quella modellata dall’uomo, tuttavia vi sono luoghi per cui non è così. Praticare Golf in Toscana a Castelfalfi è infatti un’esperienza unica. In questa tenuta il campo è racchiuso all’interno delle colline, costruito secondo i principi di sostenibilità, senza l’aggiunta di elementi artificiali e in armonia con il paesaggio circostante. Con le sue 27 buche dunque il Golf Club del Toscana Resort Castelfalfi è in grado di offrire agli amanti di questo sport non solo un campo eccellente, ma anche un’atmosfera unica e magica.

Snorkeling all’Elba

Infine l’Isola d’Elba con i suoi fondali blu profondo caratterizzati da una straordinaria varietà e ricchezza di fauna e flora marina offre agli amanti degli snorkeling una meta imperdibile. Qui tra fondali sabbiosi o scogliere sarà possibile osservare bellezze quali il corallo nero, le madrepore arancioni e pesci come murene, occhiate o pesci luna. Meta imperdibile è sicuramente la Baia di Sant’Andrea che nei suoi fondali racchiude una vera e propria prateria di poseidonie coloratissime.
Suggestiva l’immersione anche al largo di Pomonte, dove è possibile nuotare a fianco di un relitto mercantile del 1972 che si trova a soli 10 metri di profondità.



Tags

Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top