Il centro in fiore a Sassari: ecco il programma dell’edizione 2016

Torna a Sassari Il centro in fiore

Atteso da tutti e considerato un appuntamento ormai irrinunciabile per la città, arriva anche quest’anno “Il centro in fiore”, la rassegna florovivaistica organizzata dall’associazione Florovivaisti di Confcommercio Nord Sardegna in collaborazione con il Comune di Sassari. Dalle 18.00 di venerdì 13 maggio, quando si darà il via ufficialmente all’iniziativa con l’inaugurazione in piazza Castello, fino a domenica 15, i colori e i profumi di piante e fiori invaderanno il centro cittadino, accompagnati come sempre da tanti eventi.

«L’impegno è costruire un progetto a livello regionale, che coinvolga più città, magari creando anche gemellaggi con altre realtà oltremare che sposano l’idea – ha spiegato il sindaco Nicola Sanna –. Quella che si aprirà il 13 maggio e coinvolgerà la città per tutti i tre giorni sino al 15 maggio è un’occasione che non volevamo perdere. E dopo il successo della manifestazione appena conclusa, Monumenti Aperti, che ha richiamato al centro storico un pubblico numeroso, sono convinto che anche questa sarà in grado non solo di dare colore e profumo alla città ma sarà anche occasione di promozione per i commercianti e florovivaisti», ha aggiunto. «Per ottenere un buon risultato sono necessari una programmazione seria e disporre di fondi idonei. Allo studio attualmente c’è la possibilità di prevedere una biennale del florovivaismo sardo, partendo dal prossimo anno. È stata anche presa in considerazione, seppur per breve tempo, l’idea di concentrarci esclusivamente sul 2017, ma ci siamo resi conto che la cittadinanza ormai si aspetta questo appuntamento, lo desidera. E non ci siamo tirati indietro».

«In breve tempo abbiamo messo in moto la macchina organizzativa, grazie anche alla professionalità di tutti i dipendenti e collaboratori del Comune che hanno preso contatti con i florovivaisti e dato così il via ai preparativi. È importante sottolineare che la maggior parte dell’impegno economico ricade proprio sui florovivaisti, ma l’Amministrazione, e in particolare il settore Ambiente, si spende in un’azione di coordinamento fondamentale per la felice riuscita dell’evento. Oggi i protagonisti di questo evento fanno una scelta importante: investono e assieme alle istituzioni coinvolte rilanciano una manifestazione che, attraverso una programmazione a lungo termine, potrà trovare nel prossimo anno una edizione con un taglio decisamente più elevato», ha aggiunto l’assessore all’Ambiente Fabio Pinna.

«Accogliamo con forte interesse la sfida lanciata dal territorio che vede Sassari candidarsi per l’organizzazione di un evento di grande portata – ha commentato Claudio Rocchi, presidente della sezione florovivaistica di Confcommercio Nord Sardegna –. Continueremo a lavorare di concerto con l’Amministrazione affinché per il 2017 si possano costruire iniziative di confronto e crescita sia per l’evento che per le aziende florovivaistiche».

Grazie alla collaborazione dei florovivaisti, di alcune associazioni culturali e di artigiani, per tre giorni sarà possibile perdersi tra ortensie, gerani, rose e ginestre, stand espositivi, giochi per i più piccoli, spettacoli e musica: «Come sempre la collaborazione e la sinergia pagano – ha commentato Gianni Carbini, assessore per le Attività produttive –. È grazie ai singoli e alle associazioni di categoria, che decidono di unirsi e partecipare a un progetto comune, che si possono ottenere certi risultati».

«Siamo lusingati – ha concluso Francesco Carboni, titolare di Florgarden – dalle richieste pervenute da commercianti e cittadini per poter vivere anche quest’anno la magia del centro in fiore. Le aziende, con sforzi propri, daranno il meglio per creare continuità e regalare a Sassari la visione di una città colorata e a misura di bambino».

I luoghi del centro in fiore

I colori della primavera sbocceranno in via Brigata Sassari, largo Brigata Sassari, via Enrico Costa, via Carlo Alberto, via Cavour, piazza Castello e piazza Rosario. Ad affiancare e completare le splendide creazioni dei florovivaisti, ci saranno alcune opere di artigiani locali e, in alcuni casi, all’interno degli stessi giardini si potranno scoprire creazioni artistiche fuse così in un unico meraviglioso lavoro. Grazie all’accordo con Saba Italia, sabato sarà possibile lasciare l’auto per tutto il giorno nei parcheggi coperti di piazza Fiume e dell’emiciclo Garibaldi al prezzo di 3 euro e perdersi così in una lunga e rilassante passeggiata alla scoperta delle tante attrazioni presenti nel cuore della città.

Ecovolontari e raccolta differenziata

L’assessorato Ambiente e Verde pubblico, anche in quest’occasione, ha deciso di investire sulla comunicazione e sensibilizzazione per una corretta raccolta differenziata: «L’obiettivo del 50 per cento è davvero vicinissimo, mai prima d’ora l’abbiamo visto così raggiungibile – ha sottolineato l’assessore Fabio Pinna –. Puntiamo su un motto d’orgoglio dei cittadini: solo loro possono permettere a Sassari di vantare questo risultato. I nostri ecovolontari saranno anche stavolta presenti e pronti a rispondere a tutte le domande e curiosità sulla raccolta differenziata, con uno stand informativo in largo Cavallotti, dove esporranno anche i lavori dei laboratori scolastici». Venerdì 13 e sabato 14 maggio, inoltre, dalle 18.30 si snoderà lungo tutto “Il centro in fiore” uno spettacolo comico didattico sul corretto conferimento dei rifiuti. L’evento itinerante, con alcune soste previste in piazze e vie, è curato dagli artisti dell’associazione culturale S’Arza.

Spazi per bimbi e famiglie

Anche per l’edizione 2016 non mancheranno spazi dedicati ai più piccoli e le loro famiglie. Ritorna il “corner baby” in via Enrico Costa, dove per tre giorni si susseguiranno tante iniziative. Immancabile anche quest’anno il “battesimo della sella”, e uno spazio sarà dedicato alla riscoperta dei giochi di un tempo che si facevano all’aria aperta. Sabato 14, a partire dalle 17.30, e domenica da mezzogiorno, ritornano anche gli appuntamenti con Abbabulababy, il contenitore che il festival dedica al pubblico dei più piccini. Nella floreale cornice di via Enrico Costa saranno proposte due produzioni della compagnia teatrale Spazio T di Alghero: La storia di gatto mangione e… di una torta al cioccolato e Rana!Rana! Per i tre giorni di manifestazione, in via Carlo Alberto, saranno inoltre organizzati incontri, laboratori e giochi da associazioni e realtà specializzate nella cura di bambini e bambine, dai neonati ai più grandetti.

Musica in programma

Ad accompagnare turisti e cittadini, ci sarà anche la musica: sabato 14 è in programma alle 12.00 uno showcase di Claudia Crabuzza nei giardini di piazza Castello. La cantautrice algherese presenterà il suo ultimo album Com un soldat. Sempre sabato, dalle 18.00, la manifestazione ospiterà il Gruppo Folk Gurusele Thathari con l’esibizione itinerante “Aspettando la Cavalcata – Sonadores e Balladores in Thathari in Fiore”.

Nonno vigile ed educazione stradale

La Polizia municipale sarà in via Enrico Costa con uno stand dedicato al progetto “Nonno vigile” e all’educazione stradale, con un percorso studiato per i più piccoli: «È una iniziativa a cui teniamo particolarmente. Già tanti nonni e nonne ci hanno chiesto come partecipare. Avere uno stand durante un’iniziativa così sentita dalla città ci permetterà di farlo conoscere ancora di più e di raccogliere altre adesioni. E nel frattempo stiamo già dando forma ad altre idee che coinvolgano in prima persona bambini e anziani. Iniziative come queste danno la possibilità a tutte e tutti di valorizzare le proprie attitudini, mettendole a disposizione della collettività», ha commentato l’assessore alla Polizia municipale Antonio Piu.

Nuovi ospiti

Per questa edizione, “Il centro in fiore” ospiterà anche le pazienti ed educatrici del centro di igiene mentale della Asl, che avranno uno stand dove esporre i frutti del laboratorio di piante grasse e officinali che da tempo portano avanti. Nello spazio dedicato alla riscoperta dei giochi antichi, quelli che si facevano all’aperto, nelle strade e giardini, ci sarà anche uno stand di sensibilizzazione e raccolta fondi delle associazioni per la ricerca contro la fibrosi cistica.



Potrebbero interessarti anche

Top