Il broker finanziario: cosa fa

Cosa fa il broker finanziario

Sicuramente avrete sentito parlare della figura di “broker finanziario” oppure semplicemente di “broker” e magari vi è balenato nella mente di diventarlo, oppure di fare semplicemente trading su uno dei migliori broker online. Oggi vi spiegheremo al meglio che cosa è un broker finanziario e che cosa fa per guadagnarsi da vivere.

Il broker finanziario è prima di tutto un professionista dei mercati finanziari che, attraverso la sua società e per conto dei suoi clienti, compra e vende i mercati finanziari. Il broker finanziario può essere sia una persona giuridica o fisica, ed è un intermediario tra il cliente e i mercati finanziari.

Cosa fa il broker finanziario

Il mestiere del broker finanziario è prima di tutto molto importante e serve a cercare di soddisfare le necessità del cliente, studiando il suo profilo di rischio, l’orizzonte temporale e l’operatività. È un lavoro che richiede una grande conoscenza del mondo dei mercati finanziari, e che si impara ovviamente acquisendo clienti nel tempo.

Quello che deve saper fare bene il broker finanziario è conoscere a menadito i mercati finanziari, selezionando gli operatori (trader) più profittevoli (ovviamente in base al rischio), per poi “collegarli” con gli investitori, ovvero i clienti.


LEGGI ANCHE: Cosa sono gli ETF petrolio e come investirci sopra


Come diventare broker finanziario?

Per diventare un broker finanziario è molto semplice: non serve alcuna laurea, in quanto nel mondo accademico italiano non è ancora presente una preparazione del genere, e forse il corso di laurea che più si avvicina al broker finanziario è il Master in Finanza o Business Administration, o comunque tutte le altre facoltà di Economia, che possono aiutare a prepararsi al meglio per fare tale professione. Tuttavia, in ambienti del genere, non si finisce mai di studiare in quanto l’industria si evolve rapidamente e bisogna sempre essere molto aggiornati.

Ci sono tuttavia dei requisiti obbligatori, come l’iscrizione all’albo di broker, ed una idoneità morale e tecnica, che è certificata dal superamento dell’Esame di Stato, che sarà scritto e orale.

Quanto guadagna un broker finanziario

Che differenze ci sono tra un broker e un mediatore? Il broker è quindi un intermediario, ma non assolutamente un mediatore. Si tratta di due professioni completamente diverse. Non sono la stessa cosa, ma sono bensì due distinte professioni. Gli intermediari (broker) sono dei professionisti che possono dare info e suggerimenti importanti sui mercati, e rappresentare sia acquirente che venditore; il mediatore invece è un professionista che cerca di seguire e rispettare gli interessi di tutte e due le parti, come ad esempio la figura di un agente immobiliare: che facilita la vendita di un bene immobile, agendo anche seguendo gli interessi dell’acquirente.

Arriviamo alla parte interessante: quanto guadagna un broker? Dipende ovviamente da quanti clienti ha, da che struttura possiede. Ci sono molti professionisti che hanno introiti e commissioni molto elevate, dai 5 ai 10 mila euro, per arrivare anche ad oltre 20 mila euro, ma i giovani broker devono accontentarsi di un’azienda di brokeraggio, quindi stipendi fissi che vanno dai 1000 ai 3000, con eventualmente, alcune provvigioni.

Quello che guadagnerete dipende solo e soltanto da voi, dalla vostra competenza sui mercati finanziari e dalla vostra bravura nel “chiudere” gli affari e far guadagnare i vostri clienti. Si tratta soltanto di far fare soldi ai vostri clienti, poi i soldi per voi arriveranno eccome.

Se volete subito iniziare a lavorare al meglio per i vostri clienti, visitate la nostra pagina dedicata ai migliori broker forex approvati EU e CONSOB, per conoscere dove veicolare i vostri futuri clienti.



Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top