Anche il sindaco Wheeler contro il possibile taglio della Corte d’Appello di Sassari

Corte d'Appello di Sassari

«La riforma dell’ordinamento giudiziario non può diventare l’ennesimo strumento per cancellare servizi nel Nord Sardegna, concentrandoli su Cagliari. Le mie preoccupazioni sono le stesse manifestate da altri sindaci e rappresentanti delle istituzioni. Non bastano le rassicurazioni formali del governo, servono impegni precisi affinché il territorio non perda anche la sua Corte d’Appello». È la posizione del sindaco Sean Wheeler sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, a sostegno dell’autonomia della Corte d’Appello di Sassari, discussa ieri durante la riunione del Comitato interistituzionale che si è svolta nel capoluogo.

«Tagliare la Corte d’Appello e unificarla a Cagliari sarebbe l’ennesimo esempio di scarsa attenzione ai reali bisogni dei cittadini della Sardegna. Non si possono calpestare – aggiunge il sindaco – i diritti di eguaglianza, prossimità e sussidiarietà. Non è certo tagliando la Corte d’Appello a Sassari che si concretizzano i risparmi attesi dalle nostre comunità. Magari si potrebbe raggiungere quest’ultimo obiettivo evitando di pagare affitti per le infrastrutture a privati, poiché abbiamo strutture pubbliche che potrebbero assolvere a questo ruolo garantendo servizi ai cittadini a costi sicuramente inferiori. Ma nel frattempo non si può cancellare un presidio fondamentale per il nostro territorio creando un unico distretto a Cagliari senza tener conto dell’estensione della nostra Isola, delle difficoltà logistiche e infrastrutturali che i sardi sono ancora oggi costretti a subire e che contribuiscono a creare una distanza tra le due città. Perciò mi auguro che la riforma non penalizzi anche questa volta il Nord e il Centro Sardegna – conclude il sindaco – e che non si metta in discussione un presidio fondamentale per tanti cittadini».




Potrebbero interessarti anche

Top