Sound and Vision al Fabrik con la musica dei Dorian Gray e i disegni di Gildo Atzori

Dorian Gray Sound and Vision

La musica dei Dorian Gray e i disegni dal vivo di Gildo Atzori: sabato sera 9 aprile al Fabrik, il locale in via Mameli a Cagliari, tiene banco “Sound and Vision”, lo spettacolo che la band di Davide Catinari porta in giro da tre anni, affiancata di volta in volta da un illustratore diverso. Dopo aver debuttato a Roma nel 2013 con Ausonia (nome d’arte del disegnatore e fumettista fiorentino Francesco Ciampi), lo spettacolo è stato infatti riproposto (anche in piazze di prestigio come il festival Lucca Comics & Games e il Comicon di Napoli) con il veronese Paolo Bacilieri, con il siciliano Andrea Bruno e con il friulano Davide Toffolo, apprezzato autore di fumetti nonché cantante e chitarrista dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

Questa volta, ed è la prima in assoluto, spetta all’artista isolano Gildo Atzori il compito di illustrare e interpretare attraverso i suoi disegni, realizzati dal vivo e proiettati su schermo, i testi e le note dei Dorian Gray: brani tratti dagli ultimi due dischi del gruppo cagliaritano (“Forse il sole ci odia” e “La pelle degli spiriti”), in attesa del nuovo album, “Moonage mantra”, in uscita il prossimo ottobre. Sabato, insieme a Davide Catinari (voce, chitarra acustica, percussioni), Samuele Dessì (chitarre, loops, voci), Nico Meloni (chitarre), diversi ospiti saranno di scena al Fabrik a partire dalle 22.00: Carlo Addaris (basso, tastiere, voci), Stefano Cherchi (voci), Alessio De Vita (violino), Riccardo Erba (fiati) e Mario Marino (percussioni).

La serata è organizzata dalla cooperativa Vox Day in collaborazione con lo Skepto Film Festival che, in apertura alle 21.00, presenterà una breve finestra monografica sul giovane filmmaker svedese Goblin Mikkanen, autore di diversi corti e video clip; tre i suoi lavori in visione: “Dödens Ambiens”, “Lilla Vän Jag Vill Bo I En Husvagn” e “Hennings Sagoland”. Prevista anche la partecipazione di Revolvèr, team di professionisti che operano nel campo dell’architettura e del design, con un’installazione dal titolo “Triangulumusìk!”: il triangolo come figura geometrica modulare in armonia con la musica per un legame spaziale tra suoni armonici, ritmi e colori. Infine, a chiudere la serata, un dj set di Baruk (aka Roberto Sechi) con selezioni ambient, electro e minimal.

L’ingresso, gratuito sino alle 22.00, prevede un biglietto a otto euro per “Sound and Vision, qui in una versione inedita concepita per l’occasione, con un allestimento speciale che prevede un doppio schermo.

Dopo Cagliari, i Dorian Gray sono attesi da due importanti trasferte internazionali. La prima è a Malta, dove giovedì 14 suoneranno in versione unplugged al Django Jazz Bar di La Valletta, mentre domenica 16, allo Zion, presenteranno “Sound and Vision”, stavolta con i disegni dal vivo di Paolo Bacilieri, nella serata di chiusura del festival Rock The South; e per il format si tratta della prima replica all’estero. In entrambe le date, la line up dei Dorian Gray sarà quella ufficiale, completata dalla presenza di Jacopo Vannini alle tastiere, percussioni e cori, accanto a Davide Catinari (voce, chitarra acustica, percussioni), Samuele Dessì (chitarre, loops, voci) e Nico Meloni (chitarre).

Poi, il 7 maggio, la band cagliaritana sbarca oltre Atlantico, a Toronto, dove sarà headliner alla trentaquattresima edizione della Canadian Music Week, uno dei più importanti eventi musicali del nord America, in programma dal 2 all’8 del mese prossimo. Unica formazione italiana selezionata per partecipare al festival nella metropoli canadese, i Dorian Gray si esibiranno al Cherry Cola’s, una delle numerose sedi della manifestazione, proponendo anche un’anteprima del nuovo disco che esce a ottobre.

La Canadian Music Week presenta in questa edizione oltre settecento band che suoneranno in una sessantina di location, fra club, teatri, auditorium e palasport; e poi conferenze e incontri su cinema, teatro, commedia, radiofonia, digital media, oltre a premi e riconoscimenti – Radio Music Awards, Industry Awards – per artisti e produttori di livello internazionale. Fra gli ospiti, presenze di spicco come Tony Visconti, producer di David Bowie, Eddie Kramer, ingegnere del suono per Jimi Hendrix e Led Zeppelin, e, fra le band, nomi di rilievo come gli americani Eagles of Death Metal e The Black Lips.



Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top