Oristano commemora le vittime delle Foibe

Giorno del ricordo: Oristano ricorda le foibe

Il Comune di Oristano domani commemora il Giorno del ricordo – nella piazza Martiri delle Foibe, nel giardino pubblico nei pressi della Via Lepanto.
Alle 10.30 il sindaco Guido Tendas deporrà una composizione floreale in memoria delle vittime delle Foibe, delle vittime dell’esodo, di coloro che perirono per le persecuzioni, i massacri, le deportazioni occorse in Istria, Dalmazia e nelle provincie prossime all’attuale confine nord orientale.

Giorno del ricordo

Il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale celebrata il 10 febbraio, istituita per Legge per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata. Il 10 febbraio è una data simbolica che si riferisce al 1947 quando entrò in vigore il Trattato di pace con cui le province di Pola, Fiume, Zara, parte delle zone di Gorizia e di Trieste, passarono alla Jugoslavia.

Massacro delle Foibe

Le stragi avvennero all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943 quando si scatenò l’offensiva dei partigiani più estremisti, contro nazisti e fascisti. Nel mezzo furono colpiti indiscriminatamente tutti gli italiani, ma il massacro più vasto fu messo in atto a guerra finita, nel maggio del 1945, per costringere gli italiani a fuggire dalle province istriane, dalmate e della Venezia Giulia. Secondo le fonti più accreditate le vittime furono almeno 5000, ma diversi storici parlano di diecimila e più.



Potrebbero interessarti anche

Top