Il “voto utile”. A chi?

Regionali Sardegna e voto utile

La campagna elettorale sarda sta giungendo al termine. Il 16 febbraio, infatti, gli elettori verranno chiamati alle urne per scegliere il nuovo Consiglio regionale e il nuovo Governatore.

La sinistra, quella che si riconosce nel candidato Francesco Pigliaru, ha passato – come ormai da prassi consolidata – l’ultimo periodo di campagna elettorale a parlare del famoso “voto utile”: il voto, cioè, che garantirebbe una vittoria sicura e con ampio margine ad una delle forze in campo.

Ma cosa c’è di sbagliato nel cavalcare un’argomentazione del genere? A me ricorda tanto il famoso “turatevi il naso e votate DC” di montanelliana memoria. Non ha niente di concreto, niente che possa convincere l’elettore, niente che possa far dire al popolo “voto te perché sei migliore dei tuoi avversari” ma, anzi, sembra uno slogan figlio di una paura irrazionale e di rabbia accusatrice nei confronti di chi, Michela Murgia in questo caso, ha osato toccare qualcosa che non le appartiene.

L’unico voto utile, in un Paese che vive una crisi culturale più grave di quella economica, è il voto dato con consapevolezza, decisione e convinzione. È il voto informato, che possa essere giustificato moralmente da chi lo esprime.

Nessuno (o quasi), fino ad ora, ha manifestato un pensiero negativo nei confronti di una legge elettorale che esclude dal Consiglio regionale la terza forza politica classificata alle elezioni; al contrario, Renato Soru (e come lui tanti altri) utilizza la “pecca” del sistema per convincere la gente a non votare chi non avrà mai possibilità di farcela. Ma che fine fa in questo modo la dignità dell’elettore? Tutte le storie sull’educazione civica del cittadino italiano non valgono in campagna elettorale?

Io dico: votate chi vi pare, ma fatelo usando il cervello e non la pancia. Fatelo credendoci e non perché vi è stata promessa una contropartita. Fatelo perché votare è una conquista per niente scontata e non ascoltate chi vorrebbe strumentalizzare le vostre croci sulle schede elettorali.

Michele Casu
Laureato in Scienze Politiche
e delle Relazioni Internazionali.

Foto: Vignetta © Marco Gavagnin



Articoli correlati

Potrebbero interessarti anche

Top