Corrieri in bicicletta, ovvero: non tutto il male vien per nuocere

corrieri in bicicletta

L’uomo, senza l’aiuto di alcuno strumento, è capace di spostarsi con piena efficienza. […] L’uomo a piedi è una macchina termodinamica più efficiente di qualunque veicolo a motore e della maggioranza degli animali.
L’uomo in bicicletta può andare tre o quattro volte più svelto del pedone, consumando però un quinto dell’energia […]. Munito di questo strumento, l’uomo supera in efficienza non solo qualunque macchina, ma anche tutti gli altri animali.

Questo lo scriveva Ivan Illich quarant’anni fa nel suo Énergie et équité (Elogio della bicicletta, in italiano), al tempo di un’altra grande crisi: quella energetica dei primi anni ’70. Ma Illich non l’hanno letto in molti e, se negli ultimi anni c’è stato un calo nelle vendite di auto e un aumento di quelle delle biciclette, lo dobbiamo alla crisi economica, non alla scelta ecologica di tanti.

E se la crisi economica ci fa consumare meno e meglio, si può dire “ben venga la crisi” senza venire linciati?

Però, tra le belle novità, non c’è stato soltanto l’aumento delle biciclette sulle nostre strade: negli ultimi anni sono nate in tutta Italia delle piccole imprese di corrieri in bicicletta, spinte, probabilmente, tanto dallo spirito ecologico quanto dalla necessità di inventarsi nuovi lavori.

La prima ditta italiana di questo tipo è stata la UBM (Urban Bike Messengers) di Milano, che ha iniziato nel 2008 e che nel 2010 ha aperto una filiale a Bologna. L’anno scorso, in collaborazione con i suoi sponsor, la UBM ha realizzato anche un video dedicato a uno dei suoi messaggeri, Matteo, che racconta perché ha scelto di fare il corriere e perché continua a piacergli.

I corrieri in bicicletta lavorano con qualsiasi situazione meteorologica e sfruttano il traffico e le ZTL per fare consegne veloci che i corrieri normali, nei centri storici, non riescono a fare. Inoltre offrono servizi di tutti i tipi e, letteralmente, per tutti i gusti: UBM di Milano, ad esempio, offre anche un servizio di food delivery.

Ma non c’è solo Milano, come ho già detto, le ditte di corrieri in bicicletta sono nate in tutta Italia e in questa mappa – realizzata da amicoinviaggio.it – trovate le città in cui è possibile avere il servizio:

Foto: Corriere UBM © Marco Cremascoli, via Flickr



Potrebbero interessarti anche

Top