Amour di Michael Haneke

Amour, il film di Michael Haneke vincitore della Palma d’Oro. Con Jean-Louis Trintignant, Emmanuelle Riva e Isabelle Huppert.

Leggere le istruzioni prima dell’uso.

Vedere il film solo ben preparati, coscienti della trama, dell’argomento e dell’effetto che questa opera può avere sulle nostre coscienze, sulle nostre paure, sui nostri inconsci e sui nostri ricordi.

Amour di Michael HanekeAmour, nuova opera di Michael Haneke e vincitore della Palma d’Oro al Festival del Cinema di Cannes 2012, è un film perfetto. Inattaccabile.

Un trio di attori eccezionali a servizio di una sceneggiatura perfetta e una regia misurata e minuziosa, realista, meticolosa e attenta a far entrare lo spettatore nella realtà del film, facendo perno su paure e ricordi, rendendolo partecipe come raramente succede.

Non si può fare a meno di entrare nella vita di questa anziana coppia, colpita dalla malattia, dal deterioramento progressivo fisico e cognitivo della protagonista (una indimenticabile Emmanuelle Riva, mastodontica in questo ruolo). Haneke è impietoso in tutto questo: si sofferma lento, insistente, quasi crudelmente su tutta la decadenza, sulla sofferenza, sul ricordo dei bei momenti e sul dolore del presente. Si sprofonda lentamente, in modo sempre più pesante, con una voglia (almeno la mia) di scappare dal cinema, di smettere di star così male.

Il cinema diventa una stanza aggiuntiva della casa, una casa che si trasforma progressivamente in una prigione, per i protagonisti e per gli spettatori; si soffre un senso di claustrofobia, di soffocamento, di desiderio della fine. La morte arriva ad essere desiderata come liberazione, come catarsi di una serie progressiva di pugni nello stomaco e di dolore.

Un momento quasi grottesco, un piccione che entra in casa da una finestra aperta, diventa paradossalmente l’unico momento di “aria” di quel carcere di sofferenza.

Ho letto, anche all’ingresso del cinema, che Amour è un film sull’eutanasia. Non credo, sarebbe riduttivo e banalizzante.

Amour è un film sulla coppia, sull’uomo, sulla malattia, sulla famiglia, su tutti noi.

Amour è un vero e proprio inno all’Amore, ma un Amore importante, enorme, che si nutre di condivisione della sofferenza, di dignità, di ricerca, di rispetto; che si impone sopra la miseria umana e rompe gli schemi, fisici e morali, imponendosi sopra tutto come unica, grande, legge umana.



Lino Vitucci

Medico. Appassionato di Cinema d’Autore, Musica e Politica (lettere maiuscole d’obbligo).


Potrebbero interessarti anche

Top